My Personal Chef

by • 3 giugno 2009 • Tendenze culinarieComments (0)11333

Dalla tendenza a grandi cifre a soluzione anticrisi a misura di chef.

Niente distanze, stress e fatica. E’ sabato, tardo pomeriggio e voi siete sul divano di casa vostra. La città scorre freneticamente, ma voi siete a casa. Non pensate a niente. Dalla cucina profumi che vi incuriosiscono e non vi preoccupano. E’ il tempo la chiave di tutto. E oggi forse non c’è niente di più prezioso. E’ così che l’alta cucina arriva a casa vostra.
Da New York a Londra, la cucina a domicilio è ormai più che una tendenza. Sono proprio i nostri chef a raccogliere per primi mestoli e padelle e arrivare nelle case dei grandi vip di Hollywood. E oggi, molti,  si regalano il gusto di una cucina raffinata, comodamente a casa propria. Torna il personal chef, anche solo per una sera.

Se a New York John Travolta è disposto a pagare più di 10.000 dollari per avere nella sua cucina Filippo La Mantia del ristorante romano “La trattoria”, e a Londra, Hugh Grant organizza cene tra amici, affidando la cucina a Jamie Oliver, in Italia molti iniziano solo ora ad interessarsi a questo fenomeno tanto diffuso all’estero.

Il primo a sfidare la pigra penisola è stato Andrea Golino, attore e conduttore televisivo, ma soprattutto cuoco e amante della buona cucina. Dal 2000 è a tutti gli effetti uno chef a domicilio.
L’idea nasce dal ricordo di un amico di famiglia, un nobile napoletano. Lui si presentava a casa della gente con le buste della spesa, cucinava e poi andava via. Oggi io faccio lo stesso, porto con me tutto l’occorrente e in più ho una squadra “.

Così Andrea sceglie di mettere tutto il suo background di attore a disposizione della sua arte culinaria. Le cucine degli italiani diventano il teatro perfetto per esprimere tutta la sua creatività. Umorista instancabile, improvvisa coinvolgenti sketch culinari, divenuti portate insostituibili dei suoi menu. Una spesa che può variare dai 50 ai 100 euro a persona (in base al menu concordato) per una serata all’insegna del relax e del gusto, direttamente in casa propria.

chef a domicilio

E soprattutto oggi in tempo di crisi, la cucina a domicilio diviene una buona opportunità per chef preparati che non possono permettersi il lusso di aprire un ristorante. Se è vero che gli investimenti sono  minimi è proprio il caso di dire che l’abilità dello chef è l’unica risorsa a fare davvero la differenza. Sono sempre di più i cuochi italiani che si dedicano a questa attività e che hanno dato vita ad una vera e propria associazione (AIPC). Ognuno di loro con un sito internet dove direttamente da casa è possibile scegliere il menu e richiedere preventivi.

Insomma in otto anni qualcosa è cambiato e  Andrea si dice entusiasta della crescita di questo fenomeno e del modo di recepirlo da parte degli italiani. E chi meglio di lui sa che il successo di uno spettacolo dipende dal protagonista, ma anche dal pubblico. E’ la cucina italiana, la nuova protagonista, che si evolve, che si raffina a dei ritmi velocissimi. E siamo noi, pubblico attento, che per una sera, vogliamo esserci e scegliamo che questo accada proprio nella nostra cucina.

Sara Bonamini

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php