La televisione spagnola si impegna a combattere l’obesità infantile

by • 11 settembre 2009 • alimentazione, Tendenze culinarieComments (2)4150

82E’ ormai appurato che l’obesità infantile costituisce un problema per tutto l’Occidente (con il nostro paese tra i capofila) e tra le cause di questa ci sono primariamente cattive abitudini alimentari che si basano sul consumo eccessivo di junk food e bibite gassate.

Nella società dell’immagine, l’educazione alimentare (che manca nelle nostre scuole) passa soprattutto dalla Tv: secondo una ricerca Nielsen del 2004, in Italia gli investimenti pubblicitari solo in merendine sono circa il doppio di quelli dedicati a frutta verdura e legumi. Secondo un’altra ricerca del 2002, l’81% dei ragazzi tra i 6 e i 13 anni chiede acquisti alimentari precisi e il  69%  di questi consuma l’alimento di cui ricorda lo spot.

L’Italia naturalmente non è l’unica protagonista di questo trend. Le statistiche spagnole ad esempio ci dicono che il 19% dei minorenni sono in sovrappeso e per il 9% dei casi si può parlare addirittura di obesità. Secondo uno studio scientifico dell’Unione Europea che sarà pubblicato a fine anno, la pubblicità di merendine, snack e bibite ha un ruolo chiave in questi dati.
Qui si inserisce l’accordo siglato tra ministero della Sanità e le Tv spagnole private contro l’obesità infantile: nessuna emittente ospiterà più spot pubblicitari che invoglino i bambini a ingozzarsi di cibo-spazzatura. La televisione di stato, TVE, non è inclusa nel patto perché dal prossimo gennaio non avrà più pubblicità in palinsesto. A controllare il rispetto della regolamentazione sarà l’Agenzia spagnola per la sicurezza alimentare con l’eventualità di  sanzioni che vanno da 6.000 a 180.000 euro.
Secondo Corriere.it (che ha riportato la notizia) non saranno più ammessi messaggi ingannevoli o che incitino a un consumo smisurato di golosità poco salubri. Gli spot dovranno essere chiaramente separati dai programmi infantili e non dovranno solleticare i desideri dei bambini.

Pin It

Related Posts

2 Responses to La televisione spagnola si impegna a combattere l’obesità infantile

  1. laura gaffelli scrive:

    E allora le pubblicità nostrane che dicono ai bambini che diventeranno più alti se mangeranno più merendine?da galera sicuramente. La Spagna è sempre più avanti purtroppo, fra un po’ ci cacceranno anche dal G8.
    Complimenti per il blog

  2. admin scrive:

    Ciao Laura, hai proprio ragione. Credo che l’educazione alimenatre sia necessaria nelle scuole quanto l’insegnamento dell’italiano e della matematica! Non trovi? Speriamo che l’Italia apra gli occhi e che le mamma facciano la stessa cosa…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php