Vino cotto: le Marche in un bicchiere

by • 29 settembre 2009 • Prodotti, VinoComments (3)3518

Non è vin santo – ma gli somiglia nella morbidezza del sapore – non è Porto – ma ama invecchiare in botte…
Sono in pochi, fuori dalla Marche, a conoscere il vino cotto: una delle espressioni più autentiche della cultura contadina di questa regione.

La sua storia inizia con i Greci (IV secolo a.C.) che, insieme alla vite, portarono in Italia anche le tecniche per la produzione del vino. Tuttavia furono i Piceni a rendere famosa questa bevanda in tutta la penisola, assicurandole un posto d’onore nelle mense dei potenti. Imperatori e papi chiudevano i loro banchetti sorseggiando vino cotto dal profumo di resina e caramello.
ILoveVinoCotto

Sono stati i contadini ascolani e maceratesi a tenere in vita per scoli questa tradizione. Ogni famiglia aveva la sua botte – tra l’altro dote molto gradita per le giovani spose – dalla quale attingeva nei momenti più importanti della vita rurale: la mietitura, la nascita di un figlio, un matrimonio… Ancora oggi la tecnica di vinificazione è sempre la stessa: si fa bollire e ridurre di un terzo il mosto (uve bianche e rosse) in caldaie di rame e lo si pone ad affinare per almeno due anni di in botti di rovere, dove invecchia insieme a parte del vino degli anni precedenti.

Se siete amanti del dialetto marchigiano divertitevi a leggere la ricetta originale de lu v’ cuott… ovviamente con testo a fronte!

L’evento da non perdere

Mettete in calendario per il prossimo Agosto la sagra del vino cotto a Loro Piceno. In questo piccolo borgo medievale potrete assaggiare il vero sapore di questo vino in abbinamento a cantuccini, ciambelle al mosto, braciole di maiale e panini con la salsiccia.

Pin It

Related Posts

3 Responses to Vino cotto: le Marche in un bicchiere

  1. Ruben scrive:

    Troppo bella la sagra del vino cotto a Loro Piceno. Io ci sono stato tre anni fa ed era tutto buono dal cibo al vino… alla musica!

  2. Mirko scrive:

    La Sagra del Vino Cotto a Loro Piceno è fantastica, inoltre è un’ottima occasione per assaggiare tanti tipi di vino cotto dai produttori locali, tra cui uno dei miei preferiti Caonà, con il suo vino cotto leonardo, è possibile anche consultare i vari prodotti che l’azienda offre sul sito http://www.cantinacaona.com

  3. Max scrive:

    Da non dimenticare la festa del Vino Cotto di Lapedona (FM). Dal 9 ottobre 2011 il vino cotto di Lapedona è DE.C.O. Denominazione Comunale di Origine

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php