verdure fresche vs verdure surgelate: vince Km 0

by • 15 marzo 2010 • alimentazioneComments (1)1687

verd

Ieri ho letto questo articolo su Kataweb: Verdure surgelate meglio di quelle fresche. Mentre girovagavo sul sito questo titolo ha immediatamente catturato la mia attenzione. Una ricerca condotta dall’ Institute of Food Research di Norwich (UK) ci rivela che le verdure surgelate sono più sane di quelle fresche che durante il trasporto, tra la raccolta e la consumazione, perderebbero le loro proprietà nutritive.

E’ vero, molto spesso frutta e verdura impiegano giorni prima di arrivare sui banchi di mercati e supermercati, perdendo per strada le loro preziose qualità (minerali, vitamine ecc). E questo problema peggiora quando questi prodotti vengono da molto, molto lontano: pomodori e ravanelli olandesi,  limoni dal sud Africa o Argentina, pompelmi e arance da Israele, kiwi dalla Nuova Zelanda (la campagna vicino a Latina e’ una zona molto vocata alla produzione di kiwi squisiti!).

Un paradosso, vero? Credo pero’ che molto spesso siamo anche noi consumatori a tenere in piedi quel paradosso, in diversi modi. Distratti su quelli che sono i cicli della natura e la stagionalità dei prodotti, siamo noi a volere il pomodoro a dicembre (che sarà arancione e acquoso) perdendo il piacere che solo il frutto baciato dal sole può dare, dimenticandoci che quello va a braccetto con l’estate. Se ci si ricordasse questo, si capirebbe meglio quello che la nostra terra ci può dare e QUANDO.

Comprare i prodotti della nostra terra non significa solo aderire a una moda salutista – quella del chilometro zero – ma vuol dire anche creare indotto per chi li produce, acquistare prodotti che viaggiano poco e conservano le loro miracolose proprietà, acquistarli direttamente dal produttore e per questo a prezzi corretti. Questa qui forse mi sembra la risposta all’interrogativo “verdure fresche versus verdure surgelate”. Non per demonizzare queste ultime, ma per non cadere in un’abitudine – l’acquisto dell’asettico sacchetto di verdura già sminuzzata – che perpetuata non permette più alcun legame con la natura, i suoi ritmi e i suoi doni. Ci vuole forse più tempo, più attenzione, ma la ricompensa c’è, e non solo nel piatto che prepariamo e mangiamo.

Ecco alcuni indirizzi per chi vuole fare spesa a chilometro zero a Roma:

Mercato Campagna Amica del Circo Massimo  – via S. Teodoro, 74

Mercato contadino tiburtino – via Tiburtina 695

Mercato Campagna Amica S. Clemente Papa – via Val Padana

Farmer’s Market – Altro Ex Mattatoio Testaccio

Mercato Campagna Amica S.Luca evangelista – via Malatesta

Mercato Campagna Amica Monteverde – Largo Ravizza

Mercato Campagna Amica Auditorium – via Pietro De Cubertin 30

Mercato Campagna Amica Centro Sportivo Val Melaina via Val Melaina 81

Clicca qui per una lista dei distributori di latte fresco Coldiretti in Italia

Avete altri indirizzi da consigliarci? Raccontateci cosa succede dalle vostre parti.




Pin It

Related Posts

One Response to verdure fresche vs verdure surgelate: vince Km 0

  1. admin scrive:

    Un mio amico di Milano, scherzando, diceva che sua madre pensava che gli spinaci fossero a forma di cubo e che il tonno fosse tondo…un modo estremo di dire che il rischio di perdere il contatto con le cose reali (come frutta, verdura e carni), se le vedi sempre e solo filtrate dal packaging e dal marketing, c’è eccome. Pensa che effetto può avere una cultura del genere sui bambini…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php