Bagels: lo street food from NYC

by • 9 maggio 2010 • alimentazione, cibo e culturaComments (8)15384

Bagels. Nei quasi due anni passati nella grande mela questi panini col buco, tostati e farciti con mille varianti del cream cheese, sono stati protagonisti indiscussi di numerosi pranzi mordi e fuggi. Un semplice panino a portar via che era per me un po’ come la rosetta con mortadella poiche’ racchiudeva in se’ 3 peculiarità importantissime: era un cibo gustosissimo, economico (sui $2,50 mentre qualsiasi panino ne costerebbe 7) e poco junk (infondo si tratta di pane e formaggio!). Ma diciamo pure che definirlo un semplice panino col formaggio è parecchio riduttivo, sia per il contenitore che per il contenuto.

Questo pane a forma di anello fatto con acqua, farina, sale, lievito e malto arrivò in America alla fine dell’800 con la massiccia emigrazione degli ebrei dall’est Europa e la sua produzione si e’ radicata in molte città, tra cui New York. Una caratteristica li rende speciali: vengono prima bolliti e poi cotti al forno. Questo dona loro una consistenza particolare: una superficie quasi umida, leggermente gommosa esternamente e una mollica soffice ma fitta internamente. n y bagels

Tradizionalmente i bagels venivano guarniti con semi di papavero o sesamo, ma io ne ricordo mille varianti: cipolla, aglio,  chicchi di sale di grosso, cannella, mirtilli, il pumpernickel bagel (preparato con farina integrale di segale, di colore marrone scuro il mio preferito!) e naturalmente l’everything bagel, guarnito con un po’ di tutto. E dentro? Il classico newyorchese è cream cheese and lox (ovvero salmone) ma in molti deli troverete mille altri abbinamenti alla cream cheese: tonno, pomodori secchi, cipollotto, o pomodori e peperoni. Ma ho visto anche qualcuno ordinarne uno con burro e marmellata (ode alla merenda dei bimbi!).

I Bagels non sono arrivati solo in America e Canada, ma anche dai cugini d’oltremanica. E per fortuna. Perché la mia amica Eileen proprio in questi giorni mi ha portato da Dublino un sacchetto contenente le mie adorate ciambellette! Io ne ho approfittato subito per tostarne e una e imbottirla con cream cheese e cipollotto fresco affettato sottile. Ognuno ha il proprio confort food. Questo è uno dei miei.

bagel. 1I puristi in cerca del bagel d’eccellenza potrebbero attingere direttamente da H & H, storico forno kosher nell’Upper West Side newyorkese che prepara spedisce i suoi deliziosi bagels in tutto il mondo un giorno per l’altro. A Roma invece li trovano tra le specialità del forno Roscioli. Io pero’ sogno di mangiarne di nuovo uno nel caos pulsante di Manhattan.

Pin It

Related Posts

8 Responses to Bagels: lo street food from NYC

  1. mario scrive:

    …sempre a New York ricordo di averne comprato uno eccezionale in un forno assolutamente d’altri tempi a Brooklyn vicino alla singagoga di atlantic avenue.

  2. Silvia scrive:

    New York e le sue vecchie bakeries….che fascino….
    @ Mario: con che cos’era il tuo bagel?
    Mi e’ venuto in mente un altro indirizzo imperdibile nel delirio di Midtown Manhattan: Times Square Balgels.
    Un buchetto che fa dei bagels fantastici!
    (W 44th tra Times Square e 8th avenue)

  3. mario scrive:

    @silvia…il classicissimo cream cheese e salmone, appena affettato, che sborda da bagel appena sfornato (non scaldato), staccato dalla catena dei suoi fratelli che si uniscono nelle estremità (grazie alla lievitazione) nella cottura al forno. e se poi vogliamo parlare di pesce affumicato e delicatessen niuiorchesi….

  4. Pina_Sozio Pina_Sozio scrive:

    le voglioooooooooooooo

  5. Pina_Sozio Pina_Sozio scrive:

    oh Silvia, è richiesta la ricetta a questo punto, lo sai?

  6. [...] This post was mentioned on Twitter by I8LA, Foodie . Foodie said: Bagels: lo street food from NYC | Foodie http://bit.ly/9AB1Xo [...]

  7. Jasmine scrive:

    Adoro i bagels!! In effetti la ricetta ora è d’obbligo!

  8. maria scrive:

    si possono acquistare anche online sul sito http://www.bagels.sm!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php