Ogm si, ogm no?

by • 15 luglio 2010 • alimentazioneComments (1)1937

La discussione sugli ogm ultimamente è davvero infuocata. Per me, in assenza di sicurezze e per il rispetto delle libertà individuali, vince il principio: “ok, tu vuoi farlo?ma devi lasciare me libera di non farlo”. Questo, in Italia, vuol dire che nessuno può piantare/diffondere semi da organismi geneticamente modificati, perchè il nostro appezzamento agricolo medio è troppo piccolo per non essere soggetto all’effetto catena: quel meccanismo per cui, a causa del naturale movimento delle api e dei venti che portano in giro pollini e sementi, gli ogm contaminano anche i campi che a ogm invece non sono piantati.

Segnalo per questo una mattinata di studi che si terrà il 20 luglio a Roma organizzata dalla task force “Per un’Italia libera da ogm“, della quale fanno parte decine di organizzazioni, fra cui anche Slow Food, Greenpeace e la rete delle Città del Vino. Il convegno si terrà all’Ara Pacis dalle 10 alle 13.30 e vedrà la partecipazione di molti scenziati e studiosi della materia. Secondo me è una buona occasione per chiarirsi le idee.
Per vedere la brochure del convegno, cliccate qui: depliant_OGMRoma

Pin It

Related Posts

One Response to Ogm si, ogm no?

  1. Enrico scrive:

    Cercherò di esserci. A presto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php