A Enologica, Lo Mejor de l’Emilia Romagna

by • 21 novembre 2010 • EventiComments (1)3807

Buongiorno da Faenza. Prima di fare un giro e una deliziosa colazione a base di cornetti ripieni di zabaione al Caffè Pasticceria Fiorentini, vi voglio raccontare il mio sabato a Enologica 2010.
Non avrei mai scritto un post su uno di questi eventi che oggi soffocano i calendari di noi poveri fissati, trovarne un senso sarebbe stato impossibile. Ma questa volta sono bastati due padiglioni ben organizzati perché un evento fosse il miglior modo possibile di raccontare un territorio. E il primo riconoscimento va a chi questa manifestazione l’ha curata e ideata con passione e grande competenza, Giorgio Melandri.

il padiglione degli espositori del vino

il padiglione degli espositori del vino

Ci accoglie ai cancelli di Faenza Fiere qualche ora prima dell’apertura ufficiale, ci fa accomodare nel primo padiglione, dedicato agli espositori del vino e al teatro dei cuochi e la prima cosa che mi colpisce è la semplicità e il buon gusto nell’allestimento. Ci offre un buon piatto di pennette al dente con il sugo di amatriciana con tanto di guanciale di mora romagnola (mi aveva già convinto, il suo era l’evento dell’anno!). Gli faccio i complimenti per il logo e lui accetta soddisfatto, è orgoglioso della sua Enologica quanto è fiero della sua Emilia Romagna.

il Teatro dei cuochi prima dell'apertura

il Teatro dei cuochi prima dell'apertura

In questa tre giorni è riuscito a raccogliere tutto il meglio della regione, perché la conosce bene ma soprattutto ci crede profondamente. Mi preparo a fare un giro per il delizioso mercatino degli espositori quando Tambini mi avverte che al Teatro dei cuochi c’è un fuori programma imperdibile: Massimo Bottura. Chiamato da Melandri a intervenire nella giornata di lunedì (l’ultima dedicata solo agli operatori), lo chef modenese ha anticipato il suo show perché deve partire per San Sebastian. Prepara i suoi piatti, li racconta e ne spiega il rapporto con la tradizione, proprio come richiesto da Melandri.

Bottura a Enologica

Ciò che più mi colpisce è l’atmosfera familiare, la conoscenza estrema tra il cuoco, i giornalisti, i produttori e gli artigiani. Ognuno è attento a promuovere l’altro e sul palco la storia si ripete, cuoco dopo cuoco.

Antonio Boco e Giorgio Melandri intervistano Giuseppe Carrus

Antonio Boco e Giorgio Melandri intervistano Giuseppe Carrus

Giuseppe Carrus e Lorenzo Ruggeri conducono la degustazione dei vini dell'Etna in compagni di Federico Curtas

Giuseppe Carrus e Lorenzo Ruggeri conducono la degustazione dei vini dell'Etna in compagni di Federico Curtas

Carlo Bozzo intervista Daniele Cernilli

Carlo Bozzo intervista Daniele Cernilli

Per un attimo mi guardo intorno e penso che anche solo per questi quattro giorni di Enologica, l’Emilia Romagna ha tutte le carte in regola per diventare la nuova Spagna italiana. Una cosa e certa: qui il loro Rafael Garcia Santos l’hanno trovato.

Pin It

Related Posts

One Response to A Enologica, Lo Mejor de l’Emilia Romagna

  1. [...] del territorio. Abbiamo incontrato Fede e Tinto di Radio Due, la Web TV, tanti giornalisti, blogger, le sedie del torchio, tanti produttori di vino, tanti amici e clienti. Anche Natascha Lusenti, che [...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php