I legumi piccoli e squisiti di Piero Bigi

by • 1 gennaio 2011 • ProdottiComments (3)4989

Primo dell’anno vuol dire lenticchie, e che nessuno dica il contrario: non ci crediamo. E non importa che siate a pancia piena e che abbiate appena finito un pranzo o una cena da dieci portate, uno spazietto per le lenticchie ci deve essere sempre, non dimentichiamo che vogliono dire soldi e fortuna per tutto l’anno nuovo. Anche io come potrete ben immaginare non mi sono sottratta al rito, concludendo la mia cena proprio con un bel tegame di lenticchie e cicerchie decorticate. Ma quest’anno oltre che un dovere, degustare quelle piccole delizie è stato un enorme piacere. Sono in Toscana, nello splendidi agriturismo Ilune e tutti i legumi che si mangiano qui, in questo angolo di paradiso, provengono dalle coltivazioni di Piero Bigi dell’azienda agricola Fonterosa.


Siamo andati a trovarlo per fare la nostra scorta annuale di legumi. Ci viene incontro Bingo ( il suo cane basso e cicciotto) e con la coda in festa fa gli onori di casa. Piero è nella casetta vicino ai campi a sistemare legumi e patate (anche queste davvero speciali). È un agricoltore orgoglioso della sua terra e del suo lavoro. Quest’anno è stato un anno piuttosto difficile, ma nonostante questo garantisce che i suoi legumi sono squisiti. Il fagiolo tondo di Sorano (bianco e piccolissimo) lo ha fatto penare parecchio: la semina si da la prima settimana di maggio e con le piogge che ci sono state ha dovuto rimandare di almeno dieci giorni…per non parlare della raccolta poi, ad agosto il caldo che c’era non l’ha di certo aiutato.
Di lenticchie (la qualità è quella di Onano) ne ha pochissime. Riusciamo ad averne un pacchetto “solo perché vi manda Susanna di Ilune”. A meta febbraio deve ripiantarle per poi raccoglierle verso il 15 luglio e spera in un clima migliore. Piero coglie i suoi legumi a mano dalle piante, appena raccolti li congela per qualche giorno e poi procede con la pulizia, che viene fatta in casa rigorosamente a mano. Il risultato è che i suoi legumi non perdono la buccia in cottura, rimangono croccanti e incredibilmente saporiti.
Piero ci confeziona i fagioli, i ceci rugosi, le lenticchie, la zuppa di Sorano e li stende in una busta attento che le etichette con la foto della sua azienda non si sciupino.
Con un sacco pieno di legumi ce ne torniamo a casa (ancora Ilune) e non faccio che pensare a come cucinarli. Ecco che non potevo risparmiarvi le nostre solite autopromo per le ricette sul Gambero Rosso, che guarda caso, per il mese di gennaio tratteranno proprio i legumi: dalle sagne ceci e baccalà ai croccanti biscottini di arachidi.


Non rimane che augurarvi buon anno, buoni legumi e soprattutto buon appetito!

Pin It

Related Posts

3 Responses to I legumi piccoli e squisiti di Piero Bigi

  1. [...] Il risultato, mi vanto pardon , era meraviglioso soprattutto perchè i ceci neri hanno un sapore più aromatico, molto diverso rispetto a quelli classici. Quelli che ho comprato sono prodotti dall’azienda agricola Fonterosa di Sorano (Grosseto) di Piero Bigi. [...]

  2. [...] Il risultato, mi vanto pardon , era meraviglioso soprattutto perchè i ceci neri hanno un sapore più aromatico, molto diverso rispetto a quelli classici. Quelli che ho comprato sono prodotti dall’azienda agricola Fonterosa di Sorano (Grosseto) di Piero Bigi. [...]

  3. Nissa scrive:

    carlo sorano scrvie:molto pulito,arte e tradizione,accoglienza ospitalite0 perfetta,mi prometto che,vale la pena di tornare,tenetemi informato su ogni iniziativa culturale,cordialite0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php