Chi sarà il migliore chef emergente del centro Italia?

by • 18 aprile 2011 • Tendenze culinarieComments (0)1964

Sentito mai parlare del premio migliore chef emergente? Bhè quest’anno a ospitare la manifestazione organizzata da Luigi Cremona tra gli chef del centro Italia è stata la silenziosa cittadina di Fabriano nella bella Piazza del Mercato e, cosa assolutamente da non trascurare, anche Foodie è stato chiamata a partecipare alla giuria che ha deciso le sorti dei 9 chef in concorso.
Tre dal Lazio,tre dall’Umbira e Toscana e tre tra Marche e Abruzzo. Tutti brillanti e estremamente capaci. Ogni chef ha presentato due piatti (ragazzi che maratona!), il primo seguendo il tema richiesto dalla manifestazione (la Pasqua) il secondo a tema libero, occasione perfetta per raccontarsi al meglio attraverso la propria cucina, nel modo più personale possibile.

Hanno fatto un ottimo lavoro sul territorio i primi cuochi laziali, presentando piatti che ne valorizzassero il più possibile prodotti e ricette tradizionali. Stefano Preli del Ristorante Pastificio San Lorenzo ci ha regalato un tocco di freschezza con gli spaghetti Martelli mantecati in acqua di vegetazione di pomodoro trippa di baccalà, pomodoro fresco, pecorino e menta. Gioca con la stagionalità e antiche ricette Roberto Campitelli dell’Osteria di Monteverde che pensando alla sua Pasqua propone una divertente torta pasquale alla coratella su salsa di vignarola con pisellini, favette e carciofino fritto a guarnire.

baccalà con puntarelle, bietola selvatica, pane alle alici di cannata

Il Baccalà con crema di bietola selvatica, puntarelle e crumble di alici di Cannata

La colazione di Pasqua (pasta soffiata, salsa leggera al pecorino, corallina, uovo e bastoncino di cioccolato croccante) e baccalà con salsa di bietola selvatica, puntarelle tenerissime e crumble alle alici per Antonio Cannata: piatti che c’hanno fatto venire voglia di andarlo a trovare al suo Moma di Roma. Tra i tre bravi candidati, Antonio Cannato è stato scelto come finalista a rappresentare il Lazio nella gara di questa sera.
Nel pomeriggio Umbria e Toscana ai fornelli. Il primo ad esibirsi è stato il lucchese Matteo Pieretti del ristorante Vigna Ilaria di Lucca con una colorata costoletta di caprone con polenta ‘Ottofile Formenton’ ed Insalata del suo campo.

costoletta di capretto con misticanza

La costoletta di capretto di Matteo Pieretti

Paolo Bartocci ha rappersentato l’Umbria in un piatto di ravioli ripieni di carciofi con ragù di agnello bianco al profumo d’arancia (un po’troppo untuosa la consistenza finale). In chiusura di sessione Alessio Biagi, chef del Canapone di Grossetto, allievo di Valeria Piccini per 7 anni. Ci siamo fatti conquistare dal baccalà con citronette, salsa di patate e zucchine e sorbetto al timo: eccellente connubio tra freschezza, sapori e consistenze.

chef alesio biagi grosseto

Alessio Biagi e l'aiuto cuoco Giulia sul palco con Luigi Cremona

Non sappiamo chi sia il cuoco finalista per Umbria e Toscana, ma i rumores della giuria sembravano suggerire Alessio Biagi. Io e Sara siamo dovute scappare, causa impegni lavorativi e abbiamo perso l’ultima trance di chef di Abruzzo e Marche: Nicola Rapino (Angolo sul Mare, Francavilla, Pe), Luca Di Felice (Zunica, Civitella del Tronto, Te), Danilo Mariotti e Marco Cameli (Mattia, San Benedetto del Tronto, AP).

Questa sera la finale, domani aggiorneremo questo post con i risultati. In bocca al lupo ai giovani talento della ristorazione italiana.

19/04/2010 – Alessio Biagi, trentenne, lucchese chef del ristorante “Canapone” di Grosseto è il Miglior Chef Emergente del Centro Italia edizione 2011. Ci ha messo l’ anima, ma anche le animelle, che con crema di patate e porri hanno convinto una giuria che annoverava tra l’ altro chef del calibro di Gianfranco Vissani, Lucio Pompili, Mauro Uliassi, altri giornalisti ed esperti in rappresentanza delle principali guide gastronomiche, e inoltre rappresentanti dell’ AIS e delle Istituzioni. In finale anche i bravissimi Marco Cameli del ristorante Mattia di San Benedetto del Tronto e Alessandro Cannata del ristorante Moma di Roma.  (Fonte Ufficio Stampa Witaly)

Sara Bonamini e Laura Di Pietrantonio


Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php