Pesce a Roma? Sostenibile ed economico, si può (forse)

by • 15 giugno 2011 • Prodotti, Tendenze culinarieComments (7)4584

Non è che questa sia la città migliore per mangiare il pesce. Non perchè non se ne trovi di buono, anzi. Il Tirreno è vicino, con le meraviglie del litorale pontino e del Circeo. Ma a Roma mangiare il pesce costa caro. Perchè fa parte della tradizione della ristorazione eccellente del centro (e certi posti, purtroppo, non si possono frequentare tutti i giorni), perchè da sempre “annamo a magnà il pesce a Fiumicino” equivale a farsi spellare, perchè dove i costi sono più ruffiani non sempre è fresco e la trappola è dietro l’angolo (ma qui per colpa dei consumatori che chiedono sempre gli stessi tre pesci: salmone, tonno, pesce spada). E allora i mari si spopolano, gli allevamenti intensivi inquinano e noi non ne traiamo nessun beneficio (nemmeno per la salute… i pesci allevati col cavolo che ce l’hanno gli Omega3).
Ma la Roma di oggi, che è un continuo scoprire gastronomico, offre novità anche in materia ittica, per chi fa del consumo critico la propria bandiera e anche per le tasche low budget.

- FISH MARKET: in ordine temporale è quello nato prima (qualche mese fa), una sorta di fraschetta del pesce molto trendy, impiantanta nei locali di quella che era una vecchia autofficina di Pietralata. Qui non parliamo di consumo critico, perchè nel banco c’è pesce allevato e, soprattutto, ci sono i soliti pesci noti: salmoni, tonni e pesce spada, quelli sovrasfruttati che non andrebbero più mangiati per un po’. I prezzi però sono abbastanza bassi. C’è il banco del pesce, come in pescheria o al mercato, ordini, te lo pesano, paghi e te lo cucinano. C’è da dire che le preparazioni migliori sono quelle semplici, alla griglia: il resto lascia un po’ a desiderare. Nonostante pareri discordanti sulla qualità della cucina, se non si prenota con un certo anticipo, nei week end si rischia di far la fila inutilmente. Fish Market, via di Pietralata 149b. Per prenotare inviare un sms al 329.6129481 con nome/orario/numero di persone. Chiuso il lunedì.

- CRITICAL FISH: inaugurazione a fine maggio per questa pescheria consapevole vicino Porta Pia, in via Ancona. Nei banchi non troverete nessun pesce famoso (la cui pesca è devastante per il Mediterraneo): no tonno rosso, no pesce spada, no orate e spigole d’allevamento. Solo pesce che arriva dal Tirreno e solo quando il mare permette di pescare: dalla barca al banco. Idea molto foodie è quella di proporre a fine giornata un aperitivo di crudi di mare con un bicchiere di vini del Lazio (a circa 10 euro). Critical Fish, via Ancona 34. Tel. 0644291140. www.facebook.com/criticalfish.


- FISH BOX: non è una novità, perchè è un servizio attivo dallo scorso anno, ma è pur sempre una bella iniziativa. Un gruppo di ragazzi molisani, di Termoli, porta a Roma (e ora anche in altre città) il pesce pescato nell’Adriatico, abbattendo i costi della distribuzione. Il meccanismo è semplice: i ragazzi vanno al porto quando arrivano i pescherecci, solitamente di notte, acquistano direttamente dai pescatori, preparano delle cassette miste e le consegnano a chi le ha prenotate. Comodo e buono. Questa la pagina dove troverete i contatti per gli ordini: http://www.fishbox.it/contatti.html.

***io nei commenti aprirei il forum di chi ha provato con mano: come vi sono sembrati questi posti? e il cibo? cose da migliorare? cose che vanno bene?

Pin It

Related Posts

7 Responses to Pesce a Roma? Sostenibile ed economico, si può (forse)

  1. Enrico scrive:

    Grazie delle interessantissime segnalazioni. Prendo ampiamente nota.
    ciao

    Enrico

  2. Enrico scrive:

    Non so se il commento precedente è stato postato. Grazie delle segnalazioni.
    A presto.
    Enrico

  3. Pina_Sozio Pina_Sozio scrive:

    Enrico, c’è stato un problema con i commenti.
    Mi raccomando, se assaggi qualcosa in questi posti, poi dimmi che ne pensi. Grazie :)

  4. Max scrive:

    Interessati indirizzi e proposte!

  5. Pina_Sozio Pina_Sozio scrive:

    ciao Max, grazie della visita, anche per te vale lo stesso invito: se capiti in uno di questi posti, dimmi come ti trovi.

  6. Silvia scrive:

    Sono stata da Critical Fish proprio ieri sera. Buono lo spirito, bella l’idea e fresco il pesce in assaggio.
    Tuttavia ci sono delle cosine da migliorare nell’aperitivo. Il vino in abbinamento era un bianco che lasciava un po’ a desiderare. Magari tieni anche una sola etichetta ma di qualità, che si fa apprezzare e che accompagni e completi il piatto.
    Seguiamoli per vedere che evoluzioni ci sono
    Silvia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php