Modica, bella e gustosa

by • 23 ottobre 2011 • Itinerari, ProdottiComments (3)4066

Amo la Sicilia. Ne amo le tinte forti e la varietà, le passioni così contrastanti che suscita, i sapori lussuriosi e senza tempo. Amo la vertigine della scoperta che in ogni viaggio mi riserva, ultima in ordine temporale quella della zona di Ragusa. Quella del barocco, per intenderci, quella di Ibla, di Scicli, delle valli di mandorle e agrumi, di Modica. Inizio da quest’ultima, sarebbe troppo mettere insieme tutta la poesia iblea in un post. Modica è uno scrigno nello scrigno: il barocco si mescola al cioccolato, i set cinematografici ai ricordi letterari dei tanti ispirati autori nati qui, uno su tutti Quasimodo.

illustrazione di Rosa Cerruto - www.rosacerruto.com

Il Cioccolato modicano
Nel ’700, quando la Sicilia dipendeva ancora dal regno di Spagna, fu importata l’arte della lavorazione delle fave di cacao così come gli spagnoli l’avevano appresa dagli aztechi. La ricetta modicana deriva direttamente da questa, con lavorazione a bassa temperatura della pasta di cacao, che non arriva a fondersi con lo zucchero, conferendole la tipica granulosità.

foto tratta dal sito www.chocotravels.com

Prima di passare agli indirizzi per gli acquisti, voglio segnalare un libro che ho avuto la fortuna di trovare nella bella Libreria del Corso (Corso Umberto I 139): “Pane & Cioccolata” di Peppe Barone (patròn del ristorante Fattoria delle Torri) e Sara Ongaro, antropologa. Nel libro, i racconti di Barone sulla tradizione del cioccolato modicano si mescolano alle ricette e ai ricordi di famiglia. Nella parte curata dalla Ongaro, si parla invece di consumo responsabile e dell’impatto dei commerci del cacao nei paesi produttori. Bello, poetico, ben scritto e ben fotografato, il libro è chiaramente legato al circuito del commercio equo e solidale, a cui appartiene il primo indirizzo del mio personal foodie tour del cioccolato modicano (che si delinea tutto a Modica Bassa):

- Bottega Solidale Quetzal: cooperativa sociale legata al commercio equo, che coinvolge 14 produttori in 4 continenti. Zuccheri, spezie e cacao di prima qualità sono alla base di cioccolati buonissimi, classici o più creativi, come il Fava-rè, nato appunto dalla collaborazione con lo chef Peppe Barone che usa la fava “cottoia” modicana. Corso Umberto, 223 – Tel. 0932-066374

- Laboratorio Don Puglisi: altra esperienza “giusta”, legata al commercio equo e alla casa d’accoglienza Don Puglisi, che accoglie ragazze madri in difficoltà. Proprio queste lavorano l’ottimo cioccolato e gli altri dolci tipici della pasticceria locale, come le esotiche ‘mpanatigghie, che uniscono fave di cacao e filetto di manzo. Vico De naro 9 – Tel. 0932 751786

- Antica Dolceria Bonajuto: La bottega, nata nel 1880, produce da allora delle squisitezze di raffinatezza senza tempo: cioccolato, ma anche praline, biscotti, cannoli espressi, ‘mpanatigghie. Sapori sorprendenti. Corso Umberto I, 159 – Tel. 0932 941225

P.S. Dal 28 ottobre al 1 novembre si terrà Chocobarocco 2011, evento annuale dedicato al cioccolato modicano.

Mangiare
A Modica ci sono alcuni posti imperdibili, data l’inesauribile gamma di grandi materie prime della zona e l’antichissima tradizione di melting pot culinario. Concentriamoci su Modica Alta:

- La Gazza Ladra: ristorante gourmet dell’Hotel Palazzo Failla che vede in cucina il geniale Accursio Craparo. Cucina di sperimentazione che non rinuncia neanche per un attimo al sapore siciliano vero. Chiuso da novembre ad aprile. Via Blandini, 11 – Tel.0932 755655. Prezzo medio sui 60 euro.

- La Locanda del Colonnello: versione low cost della Gazza Ladra, a pochi passi da Palazzo Failla, questo delizioso ristorante propone una cucina di territorio che non delude per equilibrio, golosità e stagionalità. La mano di Craparo è ben presente e lo sarà di più dal prossimo novembre, quando La Gazza Ladra chiuderà per ferie. Viale Biscari, 6 – Tel. 0932 941059. Prezzo medio 30 euro.

- Fattoria delle Torri: abbiamo accennato sopra a Peppe Barone, grande siciliano, cuoco colto, bravo insegnante, dalla cui cucina sono partiti molti talenti. Oggi Peppe è affiancato in cucina dal giovane Giuseppe Causarano, per dar vita a una bella rivisitazione della tradizione isolana di terra e di mare. Non mancate di ascoltare i racconti di Barone… sicilianità pura. Vico Napolitano 14 – Tel. 0932 751286. Prezzo medio 50 euro.

Pin It

Related Posts

3 Responses to Modica, bella e gustosa

  1. Enrico scrive:

    Pensa che non sono mai stato a Modica: gravissima carenza che va colmata molto presto.
    Un salutone.

    Enrico

  2. Pina_Sozio Pina_Sozio scrive:

    Enrico, Modica è un gioiello di arte e storia, ma per chi ama mangiare è la cuccagna vera…vacci presto!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php