Se a Roma l’hamburger è artigianale

by • 28 novembre 2011 • EventiComments (1)5226

Dopo due anni nella Grande Mela nella mia valigia da foodie non potevo non riportare indietro memorabili e golosi assaggi dell’hamburger americano, che in quanto a bontà, qualità e freschezza degli ingredienti sono lontanissimi anni luce da un certo modo di fare fast food che massifica i sapori e li rende uguali in tutto il globo. E tornando in Europa e in Italia è sempre più frequente il piacevole incontro con locali che propongono nei loro menu hamburger di grande qualità, molto spesso rileggendone la ricetta originale, personalizzandola con nuovi abbinamenti.

Ma qual è poi la ricetta classica dell’hamburger? Una polpetta di manzo macinato di qualità e non troppo magro (renderebbe la carne troppo asciutta), lattuga iceberg, pomodoro,cipolla, ketchup, maionese, senape, gli immancabili cetriolini sottaceto da sgranocchiare mentre si mangia l’hamburger. Il tutto avvolto da un panino bianco al sesamo. Detto questo non mancano le rivisitazioni in America: si può aggiungere bacon o ancora formaggio (classico cheddar cheese americano arancione oppure emmental o ancora un erborinato) per farne un cheese burger, c’è la variante tex mex con la classica salsa barbecue e peperoncini jalapenos oppure quella southwestern a base della messicana salsa guacamole all’avocado. Insomma difficile codificare una ricetta che per sua natura si presta a mille riletture.

Anche in Italia da qualche anno la ristorazione ha guardato all’hamburger per proposte di qualità e con prodotti made in Italy. Qualche anno fa vi raccontavamo dell’hamburger di fassona piemontese proposto da M**Bun, lo slowfast food nato nella provincia di Torino che propone un panino artigianale fatto con ingredienti dalla filiera cortissima (a cominciare dal delizioso manzo di razza piemontese), e da un po’ di tempo anche a Roma la ristorazione di livello ha fatto dell’hamburger un piatto di qualità attraverso personali rivisitazioni che rendono uniche le loro proposte in carta. Per chi volesse partire all’assaggio, proprio in questi giorni è in corso una divertente sfida al miglior hamburger di Roma, nata tra 4 indirizzi nel centro della capitale e lanciata da uno dei ristoranti in gara: Urbana 47.

Il termine della manifestazione è posticipato all'8 dicembre

Gli sfidanti sono la Salumeria Roscioli, storico ristorante/gastronomia in zona Campo dei Fiori, il Pasticifio S. Lorenzo, bel ristorante nato nello spazio dell’ex pastificio Cerere nel quartiere di S. Lorenzo, Tricolore Monti che propone panini gourmet a pranzo e lezioni di cucina nel suo elegante spazio di Monti e Urbana 47, promotrice della sfida, che propone una cucina di qualità basata esclusivamente sulle materie prime della campagna laziale     (compresa la carne dell’hamburger :) proveniente da allevamenti estensivi ai piedi dei Monti della Tolfa), grazie al contatto diretto con i produttori.

Saremo proprio noi foodies a votare il miglior hamburger di Roma! Basta iscriversi alla manifestazione su urbana47.it, stampare una carta per i 4 assaggi ad un prezzo amico di 12€ e tornare sul sito per votare. La gara si conclude l’8 dicembre. Gustate il vostro panino nelle diverse varianti, dal pane al formaggio e poi le salse e le verdure di accompagnamento.

Per le ricette a casa scatenate la fantasia e l’attenzione e divertitevi in abbinamenti territoriali. La mia ultima versione dell’hamburger è un omaggio ai prodotti del Trentino, di cui ho fatto scorta nel mio precedente viaggio. Ingredienti? macinato di manzo, formaggio Puzzone di Moena, speck trentino, spinacino appena spadellato in olio e aglio e senape in grani. E ricordatevi che questo piatto preparato durante una semplice grigliata in compagnia può essere un inno alla convivialità.

Il mio tour d'assaggi è partito dal Pastificio S. Lorenzo

Pin It

Related Posts

One Response to Se a Roma l’hamburger è artigianale

  1. lamelannurca scrive:

    bella iniziativa, sto partecipando anch’io! Sono a quota tre assaggi, mi manca solo Roscioli e poi si vota :-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php