Birra belga: racconti dallo Zytos Festival 2013

by • 8 maggio 2013 • BirraComments (1)14160

Immaginate 102 produttori di birra belga, ognuno di loro ha le sue birre in degustazione, fresche, spillate al momento. Voi vi trovate lì, con un bel boccale di vetro in mano e dei gettoni (dal valore di 1,40€) da scambiare negli stand per assaggiare qualsiasi birra vogliate. No, non è il mio sogno  di questa notte… ma è lo Zytos Festival: una delle più grandi feste della birra del Belgio che si tiene a Leuven da dieci anni a questa parte.

Leuven è la capitale della piccola ma bellissima provincia belga del Brabante Fiammingo. Siamo nel cuore della nazione sia geograficamente che dal punto brassicolo. In questi territori, infatti, la birra è qualcosa di più di una semplice bevanda, è storia, tradizione, risorsa economica e culturale ieri come oggi. Da qui arrivano le Hoegarden, le Grimbergen, le Stella Artois, le Affligem e tante altre birre che hanno reso grande il sapore delle birre belghe in tutto il mondo.

produttori di birra belga allo zytos festival 2013

Dai grandi nomi ai piccoli produttori, allo Zytos Festival non mancava nessuno, il tutto condito da un’atmosfera allegra (per ovvi motivi) e paciosa degna di una delle migliori serate tra amici. Così, tra un brindisi in lingue sconosciute, cappelli con elefantini rosa (distribuiti dall’affollatissimo stand della Delirium Tremens), cori e ole perfettamente organizzati, ho provato ad assaggiare tutto quello che potevo finché la lucidità mi ha assistito.

Tra le birre più interessanti che ho assaggiato, vi segnalo:

    • Lent Saison del Birrificio De Glazen Toren di Erpe-Mere – un perfetto esempio di saison con un sentore erbaceo al naso di luppolo fresco e menta, un ingresso secco in bocca e un’ottima persistenza.
    • Brugse Zoot Blond del Birrificio De Halve Maan di Brugge– una bionda belga elegante e leggera con un naso fresco e un gusto predominato dal malto che sfuma in note agrumate leggermente amarognole.
    • Piraat Triple Hop del Birrificio Van Steenberge di Ertevelde – la struttura di una birra belga con il naso di un’americana, quasi il massimo che posso chiedere. Una bionda dai profumi erbacei e speziati che permangono in un amaro che si distingue nel panorama delle birre d’abbazia di tradizione nazionale.
    • Girardin Oude Lambic Single Dry Hop Series del Birrificio Girardin di Saint Ulriks Kapelle– una Lambic ottenuta da un solo luppolo neozelandese, spillata a caduta e servita a temperature ambiente: un capolavoro nel suo stile. Non sono un’amante del genere, ma devo ammettere che questa Lambic mi ha appassionato con un colore torbido e dorato, un naso pungente di agrumi e fiori caratterizzati da aromi terziari tipici della fermentazione naturale. La salinità e l’acidità in bocca sono pronunciate ma bene equilibrate con il resto delle componenti.
lambic belga monoluppolo

Il produttore Girardin e la sua Lambic

  • Dead Man’s Hand del Birrificio Het Nest di Turnhout- un’Imperial Russian Stout complessa ed equilibrata  Le note di tostatura, di legno, di cioccolata pervadono il naso, cioccolato pure all’assaggio amarognolo che sfuma in sentori liquorosi di rhum e di botte. Una birra buonissima che andrebbe degustata con molta calma per scoprirne tutte le potenzialità.

Vi dirò che mai fu più utile il servizio di bus navetta gratuito che dallo Zytos Festival mi ha riportato a Leuven: patente salva e nessuno pericolo corso inutilmente.

Pin It

Related Posts

One Response to Birra belga: racconti dallo Zytos Festival 2013

  1. [...] maggiori  informazioni sul sito del produttore, visto che Girardin non ha un proprio sito web; di foto in giro c’è solo questa, corredata da una descrizione tecnica che non mi torna. Di evidente c’è solo un randall di [...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php