24 ore a Lucca: cosa fare & dove mangiare

by • 8 ottobre 2014 • Itinerari, newsComments (0)4215

Lucca è una gioiellino da godere in qualsiasi stagione. Arte, gusto e cultura animano le strade di questo borgo storico toscano, ancora autentico e pieno di vita. Se capitate di qui a settembre (come me) non perdete la festa dell’Esaltazione della Santa Croce e la sua Luminara: processione notturna per le vie del centro davvero suggestiva, con tutta la cittadina al buio illuminata solo da fiaccole.

Nelle mie 24 ore a Lucca, oltre lavorare, ho cercato di battere il record dell’ingrasso e mi sono dedicata a selezionare per voi un percorso gastronomico che possa farvi scoprire le bellezze centro. Lucca si gira a piedi, il centro storico si sviluppa entro un perimetro di 4 chilometri che potrete percorrere addentrandovi tra le viuzze oppure facendo una bella passeggiata sopra le mura di cinta.

Lucca-passeggiata

Entrando da porta Porta Sant’Anna, percorrendo la via principale, vi dà subito il benvenuto la deliziosa cioccolateria Caniparoli (via San Paolino, 46) con le sue fave di cacao, i cantuccini, le paste di mandorle (ottima quella ripiena di amarena) e tra i brutti ma buoni più gustosi che abbia mai assaggiato.

piazza anfiteatro

Piazza Anfiteatro

Due passi più avanti, la tappa al Panificio Chifenti è d’obbligo. La loro vetrina è un attentato terroristico a chi è dieta: muffin, crostatine, pizza di ogni genere, pane, quiche di verdure, torta con i becchi (uno speciale dolce lucchese con impasto di verdure e patate) e tante altre delizie.

Procedendo sempre dritti arriverete nella maestosa piazza di San Michele dominata dallo skyline della facciata (altra 4 metri) dell’omonima chiesa. Lucca vanta ben quarantaquattro piazze, difficile scegliere lo scorcio più bello, anche se la Piazza Anfiteatro è sicuramente sul podio. Alle spalle della piazza trovate il Ristorante Mecenate, delle cui delizie vi ha già parlato Silvia in questo articolo. Se non avete voglia di sedervi, la Pizzeria da Felice  (Via Castruccio Buonamici, 352) è una validissima tappa: cecina, castagnaccio (con farina della Garfagnana Dop) e una sottile pizza margherita con ricetta storica del 1910.

 

il mio shopping a Caniparoli

il mio shopping a Caniparoli

Cecina, castagnaccio e zuppe di legumi sono tra le specialità lucchesi più conosciute, ma del Buccellato? Cosa sapete? È un dolce tipico della cittadina che nasce come nobilitazione del pane con zucchero, uvetta e anice. Lo trovate tutto l’anno, ma nel mese di settembre fa bella mostra in ogni vetrina del centro città.

Per fare un po’ di shopping gastronomico, ma anche per mangiare (bene e in un ambiente moderno) vi consiglio il Local Food Market (Via San Paolino, 116) con una cucina semplice basta sulle eccellenze del territorio. Dulcis in fundo, la Profumeria Ristori, negozio di delizie dolci insediatosi all’interno di un’antica profumeria lucchese. Ambiente retrò con vetrinette impreziosite di cestini di frolla ripieni di crema di nocciola, pistacchio, confetture… e un gelato artigianale da condire con una colata di cioccolato fondente fatta al momento.

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php