Un salto prenatalizio in libreria

by • 15 dicembre 2014 • cibo e cultura, newsComments (0)1472

Comprati i calendari dell’Avvento, scelta l’agenda, è il momento di pensare alle strenne natalizie da scaffale. Nelle ultime settimane si sono affacciate in libreria interessanti novità editoriali per i foodie, con libri “d’autore”, belli, ma non solo. Ormai è raro trovare volumi scritti ed editati con attenzione: l’argomento non è da sottovalutare, in un mercato del libro ormai saturo di pubblicazioni di ricette, spesso riportate con traduzioni errate da testi stranieri, ingredienti sbagliati e autori sottopagati…ma questa è un’altra storia, da affrontare in altra sede. Qui abbiamo selezionato tre libri, due stranieri e uno italiano. Tre titoli di spessore e di prezzo, ma si sa…è Natale.

J'aime London

J’aime London – Alain Ducasse
euro 29,90 – 448 pagine
L’Ippocampo Edizioni

Il primo è un autore d’eccezione, Alain Ducasse, che continua la sua serie di guide del cuore con un volume bellissimo su Londra. Dopo New York e Parigi, il cuoco francese ha messo in questo libro la sua personale visione della capitale inglese, con un racconto non convenzionale che va dai ristoranti stellati al noto street food britannico, in 100 indirizzi. Dall’apertura del Dorchester, nel 2007, Ducasse ha frequentato Londra assiduamente, esaminandone ricchezza e tipicità. Un librone che non può non diventare un regalo graditissimo.

 

IMG_6164

I cocktail del Nottingham Forest – Dario Comini
euro 25,00 – pag. 180
Gribaudo

Dario Comini è una vera celebrità in materia di mixology: caposcuola tra i barchef, ha portato le tecniche della cucina molecolare nei drink. Il suo Nottingham Forest è ormai riconosciuto dalle riviste più eminenti del settore come uno dei migliori molecular bar al mondo. Questo libro offre una selezione di 50 ricette, con le relative fasi di esecuzione e le modalità di degustazione, con l’indicazione dei bicchieri più adatti.

 

IMG_6165

Plenty – Yotam Ottolenghi
euro 35,00 – 288 pagine
Bompiani

Insieme a Sami Tamimi già autore di Jerusalem – bellissimo libro sulla cucina mediorientale – e proprietario di una serie di locali e ristoranti a Londra, il cuoco israeliano Yotam Ottolenghi ha concentrato in questo volume, tradotto in italiano dopo qualche anno dall’uscita, 120 ricette vegetariane, invitanti per ricchezza (“plenty”, appunto) di colori e di ingredienti (degne di nota le foto di Jonathan Lovekin). Un libro in cui i termini verdura e vegetariano, finalmente, non fanno rima con privazione.

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php