Il pastiere di Carnevale

by • 30 gennaio 2015 • cibo e cultura, news, RicetteComments (0)8367

pastiere1

No, non è un errore di genere o una sottigliezza linguistica: tra pastiera e pastiere corre una differenza sensibile, fatta di preparazione, ma anche di occasione e origine.
La prima, quella femmina, è il dolce pasquale per eccellenza in Campania. E’ ormai famosa in tutta Italia e si prepara con il grano e i fiori d’arancio. Il secondo, il pastiere, è carnevalesco e include in sè una varietà di scuole di pensiero da far venire il capogiro anche ai meridionalisti più ferrati. Innanzitutto ci riferiamo a un dolce: c’è chi, soprattutto nel Sannio, lo prepara con un involucro simile alla frolla, a mo’ di crostata, e chi, invece, in altre parti della regione, ne fa una torta vera e propria, molto morbida. Il trait d’union è il riso, ingrediente principe e protagonista: la preparazione, infatti, è anche chiamata “pastiere di riso” ed è molto simile nell’aspetto alla torta di riso bolognese (anche detta “torta degli addobbi”, storicamente preparata durante la festa degli Addobbi o Corpus Domini). Del perché dell’uso diffuso in tutta Italia del riso come ingrediente dei dolci carnevaleschi (si pensi anche alle frittelle di riso) non si hanno molte notizie: una spiegazione accreditata è quella che riguarda la popolarità dei festeggiamenti di Carnevale, per cui si sceglievano materie prime economiche in modo da poter preparare grandi quantità di dolci per le tante persone che vi intervenivano.
Questa la ricetta del pastiere di riso che si fa in Irpinia, nella valle del Sabato, cioè nella seconda versione. Per la preparazione della prima versione, invece, rimandiamo a un articolo del Gambero Rosso in cui a spiegare il procedimento è Carmen Vecchione, della pasticceria Dolciarte di Avellino.

pastiere

IL PASTIERE DI RISO
Ingredienti

200 g di riso Arborio
1 kg di ricotta vaccina
10 uova
200 g di zucchero
1/2 bicchiere di liquore Strega Alberti + liquore all’anice
la scorza grattugiata di 1 limone
1 bacca di vaniglia

Lessare in acqua bollente il riso fino a cottura completa, scolarlo e farlo raffreddare. Sbattere leggermente le uova in una ciotola. In un altro recipiente lavorare la ricotta, fino a renderla cremosa, con lo zucchero, i liquori, la scorza di limone e i semi della bacca di vaniglia.
A questo punto unire e mescolare bene i tre composti. Imburrare una teglia, cospargerla con un velo di pangrattato e versarvi la crema di uova, ricotta e riso.
Cuocere in forno preriscaldato a 200° per circa un’ora, abbassando la temperatura a 170° a metà cottura.Sfornare su una griglia il pastiere. Una volta intiepidito, cospargerlo con zucchero a velo. Servire ben freddo.

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

css.php